In-contro: progetto di in-clusione scolastica

IMG_2460

IMG_2408

Nell’AF 2014/2015 la Scuola ha realizzato con il contributo della REGIONE LOMBARDIA  un importante progetto contro la dispersione scolastica  che ha visto come ente capofila la scuola Vantini e ha coinvolto diverse realtà presenti sul territorio permettendo di avviare un confronto tra i portatori d’interesse appartenenti a diversi ambiti di attività (enti locali, scuole secondarie e associazioni d’imprese) mossi dalla  volontà di elaborare e condividere una visione d’insieme in grado di concretizzarsi in una progettualità in grado di prevenire la dispersione scolastica nell’ambito locale di riferimento.

In particolare i soggetti coinvolti in questo progetto sono stati :

  • Scuola Vantini in qualità di ente capofila
  • Scuole secondarie di primo grado dei comuni di Rezzato, Botticino, Mazzano, Castenedolo e delle frazioni Caionvico e Buffalora di Brescia
  • Enti locali dell’area individuata: comuni di Brescia, Rezzato, Botticino, Mazzano e Castenedolo;
  • Consorzio Marmisti Bresciani
  • Consorzio Produttori Marmo Botticino Classico
  • ASIMPRE – Associazione Imprese Rezzatesi

 Il progetto elaborato si è rivolto a 48 studenti provenienti dalle scuole secondarie di primo grado dei comuni di Rezzato, Botticino, Mazzano, Castenedolo e dalla frazioni Caionvico e Buffalora di Brescia.

Il piano d’intervento è consistito nello svolgimento per ciascuno degli studenti selezionati di un percorso formativo di 40 ore replicato per sei edizioni in modo da estendere capillarmente l’opportunità al maggior numero di studenti a rischio dispersione provenienti dalle scuole secondarie di primo grado partner del progetto e rappresentative dell’area territoriale di progetto.

Ciascun modulo di 40 ore ha offerto la possibilità ai partecipanti di sperimentare attività pratiche in laboratorio con l’obiettivo di produrre un elaborato finale. Le ore sono state egualmente suddivise in laboratorio lapideo e laboratorio meccanico, allo scopo di ampliare il più possibile la conoscenza dello studente e fornire una base esperienziale più ampia ai fini della costruzione di un percorso di scelta.

L’attività laboratoriale è stata finalizzata alla realizzazione da parte di ogni studente di due manufatti, uno attraverso il laboratorio meccanico e uno attraverso quello del marmo.

Durante le ore svolte in laboratorio gli alunni sono stati sempre affiancati da studenti del CFP Vantini in qualità di peer educator, per facilitare e mediare l’apprendimento.

Il progetto ha previsto inoltre anche testimonianze dirette di imprenditori locali di entrambi i settori e di un ex-studente del CFP, visite guidate in aziende del comparto lapideo e del comparto meccanico, oltre ovviamente a dei moduli relativi all’orientamento che hanno avuto come obiettivo quello di far emergere le dimensioni dello sviluppo della persona e la capacità di scelta e decisione del singolo soggetto, favorendo il passaggio degli alunni dalla scuola secondaria di primo grado a quella di secondo grado.

L’approvazione di questo progetto e l’apprezzamento dimostrato da Regione Lombardia è un segnale importante per la Scuola Vantini, impegnata in questi ultimi mesi a rafforzare le proprie relazioni sul territorio sia nei confronti delle pubbliche amministrazioni che con le aziende del territorio.

 Pubblicazione2 CONSULTA I RISULTATI DEL PROGETTO

CONSULTA IL BANDO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CONSULTA LA GRADUATORIA DELLA REGIONE LOMBARDIA